1 / 15 ◄   ► ◄  1 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Aarsal - Le speranze di tornare a vivere ad Homs sono sempre più lievi.
2 / 15 ◄   ► ◄  2 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Aarsal - La famiglia di Najad.
Najad ha 24 anni e viene da Homs, una delle città più martoriate dalla guerra siriana.
Quando il padre ha preso la decisione di lasciare la città, e di recarsi ad Arsaal per sfuggire alla guerra, le ha raccomandato di non prendere troppa roba con sé, " Si tratterà di un mese o due, ritorneremo presto a casa".
Questo succedeva nel gennaio del 2012, e dopo un anno la famiglia di Najad si trova ancora in Libano, nella stessa casetta fatta di due stanze e un bagnetto fuori dal cortile.
3 / 15 ◄   ► ◄  3 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Beirut - Siriana aspetta la consegna dei voucher UNICEF per i rifugiati siriani.
4 / 15 ◄   ► ◄  4 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Kamal insieme al fratellino aspettano la consegna dei voucher UNICEF.
5 / 15 ◄   ► ◄  5 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Kamal arriva da Zairs, in periferia di Homs, e il suo arrivo ad Arsaal avviene quattro mesi fa, nel pieno della tempesta di neve che quest'inverno ha paralizzato la valle. Temperature rigidissime che non si registravano da tempo. Kamal e la sua famiglia hanno percorso a piedi tutte le montagne che dividono la Siria dal Libano.
6 / 15 ◄   ► ◄  6 / 15  ► pause play enlarge slideshow

In questa diroccata palazzina ci vivono un numero considerevole di famiglie, la stanza dove vive il piccolo Mohammed ne ospita ben quattro, tutti parenti tra loro, e nove di questi sono bambini. Diciotto persone dividono una stanza che non sarà più grande di venticinque metri quadri.
7 / 15 ◄   ► ◄  7 / 15  ► pause play enlarge slideshow
" Era un combattente, ed è morto per la libertà, per il nostro paese."
8 / 15 ◄   ► ◄  8 / 15  ► pause play enlarge slideshow
9 / 15 ◄   ► ◄  9 / 15  ► pause play enlarge slideshow
10 / 15 ◄   ► ◄  10 / 15  ► pause play enlarge slideshow
11 / 15 ◄   ► ◄  11 / 15  ► pause play enlarge slideshow

"Un mio fratello è ancora li, ma lo stiamo andando a prendere, speriamo di riuscire a nasconderlo in una cisterna per poter passare il confine."
12 / 15 ◄   ► ◄  12 / 15  ► pause play enlarge slideshow
13 / 15 ◄   ► ◄  13 / 15  ► pause play enlarge slideshow
Attraversando la Beqaa, valle tempestata di piccoli paesi sciiti e cristiani, si arriva ad Arsaal, un piccolo villaggio sunnita.
Questo villaggio è quasi una roccaforte. Si nasconde in una valle tra le montagne come se volesse nascondersi alla vista e sottrarsi al vento che soffia impietoso nella maggior parte delle stagioni.
14 / 15 ◄   ► ◄  14 / 15  ► pause play enlarge slideshow
15 / 15 ◄   ► ◄  15 / 15  ► pause play enlarge slideshow

Professione : Rifugiato ( Siria )

Attraversando la Beqaa, valle tempestata di piccoli paesi sciiti e cristiani, si arriva ad Arsaal, un piccolo villaggio sunnita.
Questo villaggio è quasi una roccaforte. Si nasconde in una valle tra le montagne come se volesse nascondersi alla vista e sottrarsi al vento che soffia impietoso nella maggior parte delle stagioni.
I rifugiati siriani che scappano alle violenze del regime di Assad vi trovano rifugio, dato che è uno dei pochi villaggi sunniti della zona e considerando anche il fatto che è a " due passi" dal confine. Non si tratta proprio di due passi, visto le montagne che dividono la Siria dal confine libanese, ma molti siriani disperati decidono di attraversarle a piedi pur di salvarsi.
Questa è la cosa più sconvolgente della guerra: non hai tempo di piangere e disperarti, non hai tempo di lasciarti andare, impietriti dal dolore si va avanti come macchine, lo si fa per i propri figli, e la storia ci insegna che alla fine l'essere umano si abitua ad ogni tipo di crudeltà per spirito di sopravvivenza.

Across the wide Beqaa valley, dotted with shiite and christian villages, lies the sunni hamlet of Arsaal, tucked away in a fold of the mountain, like a fortress, as if seeking shelter from the wind which blows mercilessly most days of the year.
The Syrian refugees who manage to escape the violence of the Assad regime can find sanctuary here. It is one of the few sunni villages in this area and it is close to the border. But not that close. High mountains separate Syria from Lebanon, and desperate Syrians have no other option than to cross them on foot, in order to save themselves and their children.
This is the most shocking thing about war: there's no time to cry and despair, no time to let go, you just carry on like a machine, numb and stone faced by shock and pain. History teaches that in the end human beings get used to all kinds of cruelty in order to survive.

loading